Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Privacy policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 599

Tommaso della Gazzaia

Tommaso della Gazzaia visse a Siena fra la fine del Trecento e l’inizio del Quattrocento e vi morì nel 1433.
 Ricoprì numerose cariche pubbliche a Siena, fu ambasciatore e podestà di altri Comuni.
 Ha lasciato un interessante trattato in cui sono affrontati problemi di aritmetica, algebra e geometria.
 Molto importanti sono le sue proposte relative al calcolo del contenuto delle botti da vino, argomento per il quale egli si dichiara debitore nei confronti dell’opera dell’abacista fiorentino Paolo dell’Abbaco. Tommaso della Gazzaia visse a Siena fra la fine del Trecento e l’inizio del Quattrocento e vi morì nel 1433.
 Ricoprì numerose cariche pubbliche a Siena, fu ambasciatore e podestà di altri Comuni.
 Ha lasciato un interessante trattato in cui sono affrontati problemi di aritmetica, algebra e geometria.
 Molto importanti sono le sue proposte relative al calcolo del contenuto delle botti da vino, argomento per il quale egli si dichiara debitore nei confronti dell’opera dell’abacista fiorentino Paolo dell’Abbaco. 

tommasodellagazzaia.pdf